Direttore dei Lavori e Direttore dell’esecuzione | Nuovo Regolamento 2018

post
Direttore dei Lavori e Direttore dell’esecuzione | Nuovo Regolamento 2018

E’ stato approvato, con entrata in vigore dal 30 maggio 2018, il nuovo Regolamento sulle funzioni ed i compiti del Direttore dei Lavori e del Direttore dell’esecuzione.

Le nuove linee guida da osservare diventeranno così obbligatorie nei contratti di appalto successivi al 30 maggio.  Ecco quali, in sintesi, le principali novità.

Nomina del Direttore dei Lavori

La nomina, qualora non possa essere scelta dalla stazione appaltante, deve avvenire attraverso gara pubblica, mentre per incarichi sotto i 40.000 avverrà tramite affidamento diretto.

Viene affidata a

  • altre PA
  • progettista incaricato
  • altri soggetti scelti con una gara secondo le disposizioni riguardanti gli affidamenti degli incarichi di progettazione

 

Requisiti Direttore dei Lavori

Tra i requisiti necessari, è previsto l’essere iscritto negli albi vigenti degli ordinamenti professionali e l’essere in possesso di requisiti di ordine generale citati nell’art. 80 del dlgs 50/2016 e di quelli di qualificazione previsti nel decreto del MIT 263/2016.

 

Rapporti del Direttore Lavori

Il Responsabile Unico del Procedimento (RUP) rimane il principale riferimento per il direttore lavori nei lavori pubblici, dettando ordini di servizio e tempi e modi per comunicare l’andamento dei lavori. Il Direttore Lavori sarà responsabile dell’organizzazione, pianificazione e comunicazione degli ordini di servizio verso gli esecutori.

 

Gli Ordini di servizio

Il RUP ed il Direttore Lavori si avvalgono degli ordini di servizio per delegare all’esecutore le disposizioni dei lavori da svolgere, successivamente comunicati al RUP e riportati sul Giornale dei Lavori (presto obbligatorio per legge con l’arrivo del BIM in formato digitalizzato)

 

 Desideri maggiori informazioni sul mondo

della Normativa Edilie e sul Nuovo Regolamento 2018?

Direttore dei Lavori  e Direttore dell’esecuzione | Nuovo Regolamento 2018 

leggi anche

 

Decreto n. 49/2018 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti