Edilizia 4.0 e la gestione dei processi col software BIM

post
Edilizia 4.0 e la gestione dei processi col software BIM

Edilizia 4.0 e la gestione dei processi col software BIM

Edilizia 4.0, Smart Building o semplicemente Building Information Modeling: finalmente in Italia, in questo 2018, qualcosa si inizia a intravedere in merito alla prossima rivoluzione che trasformerà l’edilizia già dall’anno prossimo. Crescono gli appalti BIM ed aumentano le richieste per chi si occupa di software e formazione.

Il futuro dell’ Edilizia 4.0 grazie alla gestione dei processi col software BIM

La digitalizzazione del cantiere sarà quindi una svolta che obbligherà le imprese ad adeguarsi, sia in termini strutturali con l’utilizzo di strumenti e tecnologie che per la professionalità e le competenze di coloro che dovranno utilizzare il software BIM.

L’entrata in vigore del decreto si affida a queste tempistiche:

  • dal 1° gennaio 2019 per le opere di importo da 100 milioni di euro;
  • dal 2020 per i lavori complessi oltre i 50 milioni di euro;
  • dal 2021 per i lavori complessi oltre i 15 milioni di euro;
  • dal 2022 per le opere oltre i 5,2 milioni di euro;
  • dal 2023 per le opere oltre 1 milione di euro;
  • dal 2025 per tutte le nuove opere.

I vantaggi di questa trasformazione sono evidenti:

  • controllo dei costi edilizia più accurato
  • riduzione delle tempistiche di consegna
  • miglior gestione delle commesse

Gli appalti pubblici di grandi dimensioni saranno maggiormente efficienti, ma c’è un aspetto interessante che aumenta le possibilità di lavoro per le imprese ed i vantaggi per i privati ed è dato dai lavori di riqualificazione edile.

 

Ristrutturazione Edilizia e gestione dei processi col software BIM

Ecco uno degli aspetti più affascinanti del Building Information Modeling applicato alle piccole e medie imprese, vera anima dell’intero mercato immobiliare italiano.

Il futuro dell’edilizia 4.0, attraverso il software BIM, per queste imprese garantirà un maggior controllo di gestione delle commesse edili, ma sono previste anche detrazioni fiscali al fine di rilanciare ulteriormente il mercato immobiliare.

La grande sfida è quante di queste numerose imprese sono pronte al cambiamento: serviranno competenze e strumenti all’avanguardia.

Evitare di farsi cogliere impreparati sarebbe un errore da evitare. Quanto siete pronti al cambiamento dell’Edilizia 4.0?

 

 

 APPROFONDISCI